Gruppi di Parola: Una Risorsa Per La Genitorialità

Il momento storico attuale del nostro Paese vede l’incremento costante di separazioni e divorzi. Tuttavia, si osserva che spesso la separazione della coppia non è un punto di arrivo, ma un punto di partenza per la ricerca di un nuovo equilibrio soprattutto in uno scenario familiare in cui rabbia e senso di colpa influiscono nelle relazioni con possibili conseguenze negative sui figli. A volte per i genitori, presi dalle proprie vicende personali, può risultare difficile riconoscere il disorientamento dei figli ed aiutarli ad elaborare gli eventi, la sofferenza e i cambiamenti.

In quest’ottica si inserisce la risorsa dei GRUPPI DI PAROLA per figli di genitori separati. Nel 1991 Lorraine Filion fonda in Canada i primi Grupes de Paroles (per bambini) e Groupes Confidances (per adolescenti). Qualche anno dopo si diffondo in Francia ad opera di Marie Simon; anche in Belgio e in Scozia questi gruppi sono iniziative che da anni i Servizi Sociali utilizzano. In Italia, i Gruppi di Parola, invece, sono una realtà piuttosto recente: sono stati introdotti, infatti, per la prima volta nel 2006 dalla professoressa Costanza Marzotto, presso il Servizio di Psicologia clinica per la coppia e la famiglia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

I Gruppi di Parola sono uno strumento di aiuto offerto ai figli di genitori separati o divorziati affinché questi bambini e adolescenti abbiano la possibilità di sviluppare una propria rappresentazione dei fatti legati alla separazione. Hanno lo scopo di accompagnarli, insieme alle loro famiglie, durante la riorganizzazione della vita quotidiana e consentono ai bambini di reperire, con l’aiuto del gruppo di pari e con la guida del conduttore, strategie possibili per gestire le relazioni all’interno di un sistema familiare in cambiamento.

Il GdP può essere composto da un minimo di 4 a un massimo di 8 partecipanti tra i 6 e i 15 anni; è importante che il numero dei partecipanti non sia troppo elevato così che il dialogo non risulti troppo dispersivo. In più, è consigliabile evitare la presenza contemporanea di fratelli per favorire l’espressione individuale, ma è bene inserire in uno stesso gruppo bambini che si trovano in fasi diverse della separazione per una maggiore condivisione di esperienze.

L’obiettivo principale del GdP è quello di dare parola a un evento critico e doloroso attraverso la condivisione. Nello specifico consente di esprimere sentimenti, paure, dubbi e speranze attraverso diversi strumenti e avere l’occasione di reperire informazioni e di porre domande. Tutto questo viene trattato in un ambiente accogliente e con l’aiuto di professionisti appositamente formati, generalmente psicologi e assistenti sociali, preferendo la co-conduzione che permette di seguire meglio tutti i bambini e di usare gli strumenti adatti, soprattutto quando c’è una buona sintonia tra i conduttori.

Le tematiche proposte sono numerose e spesso variano in base a quanto emerge dalla prima conoscenza del gruppo. Generalmente si affrontano argomenti come il senso di responsabilità verso la separazione dei genitori, il conflitto, la relazione con il genitore non coabitante, i nuovi compagni dei genitori ed, eventualmente, i nuovi fratelli… Sono tutte situazioni che i minori vivono quotidianamente, ma di cui molto spesso non capiscono il reale significato. Questi temi vengono trattati in modo flessibile e in base ai bisogni che emergono da quel determinato gruppo anche perché lavorare con i bambini comporta sempre un certo grado di imprevedibilità. Gli strumenti di cui si servono i conduttori per far sì che i partecipanti si esprimano al meglio sono il disegno, i cartelloni, i giochi di ruolo, la scrittura e le emoticons.

Il GdP segue un percorso di quattro incontri preceduti da un incontro di presentazione ai genitori del lavoro che si andrà a svolgere. Questo primo colloquio rappresenta una parte fondamentale del progetto in quanto si possono già ricavare numerose informazioni sia sulla situazione familiare sia sul momento della separazione e sulle dinamiche relazionali tra i genitori. L’organizzazione prevede i primi tre incontri solo per i bambini, mentre nella seconda parte dell’ultimo incontro sono attesi i genitori. Questi ultimi devono firmare in modo congiunto l’iscrizione del/i figlio/i al gruppo e al termine del percorso possono richiedere un incontro di restituzione facoltativo con i conduttori per un confronto su come il proprio figlio ha vissuto l’esperienza e se è cambiato qualcosa nel rapporto con i genitori; spesso, in questo colloquio, emergono anche le loro difficoltà di adulti nel gestire il legame genitori-figli. Nello specifico ogni incontro è scandito in tre momenti (apertura, merenda, chiusura) e ha un tema dominante: la conoscenza, la scatola dei segreti (contiene i pensieri che i bambini non si sentono di esprimere ad alta voce), la lettera per mamma e papà, mamma e papà rispondono.

Un momento significativo avviene, appunto, durante l’ultima ora del quarto incontro: in questo momento, i bambini hanno modo di presentare a mamma e papà una lettera che il loro gruppo ha scritto per il gruppo dei genitori; in seguito quest’ultimi hanno la possibilità di rispondere al gruppo con dei messaggi anonimi, che vengono letti a tutti dai conduttori. Questa circostanza, carica di forti emozioni, permette ai bambini di stare con i propri genitori i quali trasmettono un messaggio importante che è quello del mantenimento della loro presenza e del loro amore, nonostante la separazione della coppia.

Ciò che permette ai bambini di confrontarsi ed esprimere i loro vissuti e le loro emozioni è il fatto che possano farlo in un ambiente sicuro e caratterizzato dalla riservatezza in quanto essi devono sentirsi liberi di parlare di quello che stanno vivendo sapendo che quello che dicono verrà mantenuto segreto dai conduttori e dagli altri partecipanti.

Troppo spesso questi bambini si trovano in una situazione di disorientamento e solitudine che riempie le loro teste di preoccupazioni tanto da accantonare le attività che dovrebbero fare alla loro età. Inoltre, se i genitori pensano che i figli siano rimasti fuori dal conflitto o che non sappiano, è vero, invece, che questi recepiscono le vicende e sostituiscono le informazioni reali, spesso non espresse apertamente, con delle fantasie andando ad alimentare il senso di colpa e a minare la loro autostima. Oltretutto, nel nostro Paese gli interventi in fatto di separazione si svolgono all’interno di percorsi giuridici, tranne nel caso i cui i servizi ritengano necessari momenti di supporto (come la mediazione familiare) nelle situazioni più problematiche, e di fatto i minori vengono ascoltati solo in modo marginale. Anche se il GdP non è un vero e proprio intervento terapeutico, ma di sostegno, può avere effetti terapeutici anche per il solo fatto che i genitori insieme abbiano pensato che questo tipo di esperienza potesse rivelarsi utile per il proprio figlio.

In conclusione, il Gruppo di Parola può rivelarsi una ricca e valida risorsa che permette in poco tempo di affrontare tematiche difficili ed impegnative e di stabilire un contatto con la famiglia che, a volte, potrebbe rivelarsi bisognosa di un supporto più articolato e continuativo. L’elemento che caratterizza questo progetto è che, attraverso il gruppo, i bambini apprendono il messaggio più importante: nonostante la separazione, mamma e papà continueranno ad amarli e a rimanere per sempre i loro genitori.

“Iscrivere il proprio figlio ad un Gruppo di Parola è per lui un’opportunità per vivere meglio le trasformazioni che attraversano la sua famiglia” (Marie Simon)

 

Deborah Zuccotti

 

 

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *